18 aprile 2014

Sexy Vintage

Ai miei tempi (oddio, comincio ad assomigliare a mia nonna), i Sex Symbol erano altro paio di maniche, rispetto a quelli che oggi farciscono le trasmissioni televisive. Robert Pattinson è smunto e sminchio e brilla al buio che nemmeno si fosse spalmato addosso tutto il contenuto dell'illuminante Yves Saint Laurent, Elijah Wood è un po' troppo peloso e sembra davvero uno hobbit, Di Caprio è diventato cicciotto tanto da sembrare un piccolo Buddha (e poi ci sarebbe quella cosuccia dell'Oscar mancato) e ormai ce lo siamo dimenticato in fondo al relitto del Titanic. E così sia.

La verità è che le vere bombe sexy sono nate negli anni '80:

BRUCE WILLIS
non crederete mica di averlo scoperto voi, giovani native digitali! Sia chiaro: Bruce Willis è dai tempi di Moonlighting che calca le scene e le signore. In coppia con un'affascinante (e un po' MILF) Cybill Sheperd, investigava nelle strade di New York con un certo stile e pure una certa chioma, non ancora intaccata dai radicali liberi. Un classico uomo americano in carriera, un po' bauscia ma simpatico e bello come il sole. Anche oggi, con la sua pelata, tiene botta nella classifica hot femminile. All'epoca, non era ancora così famoso, eppure era già chiaro che un bell' 8+ non gliel'avrebbe tolto nessuno.


RICHARD GERE
American Gigolò = chiappe di marmo. Principe perfetto in "Pretty Woman", è sex symbol da sempre. Ma chi lo ammazza questo, è come il formaggio: più stagiona, più è bono.

JOHNNY DEPP
Ok, ci ha deluse: da quando ha mollato Vanessa per quella figa di legno di Amber Heard che ha mille anni di meno ci è sembrato meno affascinante e più rimbambito dalle crisi di mezza età. Però non è mica sempre stato così, Johnny. Il poliziotto Tom Hanson della squadra di 21 Jump Street era il bello e dannato di cui tutte le nanette dodicenni (tipo me) negli anni '90 si sono innamorate almeno una volta. Certo è che quella serie era una vera e propria fabbrica di gnocchi: ha sfornato gente come Peter De Luise, per esempio, e Richard Grieco. Ecco, questo merita un capitolo a parte e una rubrichetta "come eravamo".


RICHARD GRIECO
Booker
, si diceva: collega di Tom Hanson, era talmente bello che si è meritato uno spin off di tutto rispetto. Come non ricordarlo mentre insegue i cattivi, o bacia la bella di turno minacciata dall'ex marito. Ce ne fossero, al giorno d'oggi, di uomini così. Lato negativo: si è sfasciato con la chirurgia plastica. Ora somiglia a Roberto Cavalli. Troppo bello per rimanere vero.

MORTEN HARKET, SIMON LE BON, JOHN TAYLOR, MICK JAGGER, STEVEN TYLER, detti anche " GLI INDISTRUTTIBILI"
Loro tengono botta, anche se ormai sono invecchiati. Jagger e Tyler hanno settant'anni suonati, Taylor e Le Bon 50, Morten Harket (leader dei norvegesi A-ha, nonché uomo della mia vita da quando avevo 6 anni - poi mi chiedono perché all'università abbia scelto lingue nordiche!) 56 il prossimo 14 settembre; eppure se ce li ritrovassimo davanti, torneremmo sbavanti e urlanti come ragazzine. Su questi qui un po' ha fatto il chirurgo (vedi Harket, che sembra sempre più un Husky), un po' i soldi ("il denaro è sterco; tuttavia lo sterco è un buon concime"), un po' la fortuna. Tant'è, a me un sospiro sfugge ancora. Se poi parliamo di Tyler, non capisco più niente, con quelle labbra!


E voi? Chi era il vostro sex symbol quando eravate piccole? Ditemelo qui sotto! :)

2 commenti:

  1. no, vabbeh... a me piaceva john travolta... forse non faccio testo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché mai: anche John Travolta è un notevole manzo ben conservato :P:)

      Elimina

Lo sai che se usi le "k" a sproposito nessuno ti si tromberà mai più?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...