30 luglio 2013

Keepin' myself calm.



Oggi è stata una giornata calma.
Di quelle in cui si fanno cose tranquillamente, pur avendo parecchio da fare.
Di quelle in cui il caldo sì, lo senti, ma c'è qualcosa che ti placa e ti impedisce di farti innervosire dall'afa.

Sono andata al lavoro, ho archiviato moduli, fotocopiato documenti, riempito conti.
Sono tornata dopo un mese al mio grande amore, perché di questo si tratta: il mio lavoro lo amo.
Amo scartabellare in segreteria, preparare quel che mi serve prima che arrivi il pubblico, cercare nomi, annotare cose. Banale? Sì, forse. Ma è stata - È - la mia vita da sei anni, e ormai ci sono dentro fino al collo.

Sono abituata a stare più tempo in segreteria di quanto ne passi con me stessa.
Sono ormai drogata di questo, perché in fondo mi dà sicurezza, mi fa sentire utile e capace.

Un'amica una volta mi ha detto "però, sei ganza quando stai al bancone!"; e l'ho trovato il complimento più bello che potessero farmi quest'anno (a proposito, grazie, Veronica).

Perché in fondo è una passione che ho scoperto, che non credevo di avere. Un'occasione colta al volo, che con me c'entrava poco. Ma è diventato il centro del mio essere, e del mio benessere, l'ossimorico giardino zen in cui tutto il caos, in fondo, serve a placarmi.

A settembre ricomincerà tutto, e mi troverà pronta e ansiosa di sapere quali novità mi attenderanno.

Nel frattempo, mi godo questa sensazione di pienezza interiore.

Nessun commento:

Posta un commento

Lo sai che se usi le "k" a sproposito nessuno ti si tromberà mai più?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...