17 marzo 2013

Mancarsi è un attimo

Sto leggendo Mancarsi, di Diego de Silva.
Il titolo sembra semplice, come lo sembra tutto il libro, ma non lo è che in superficie.
Mancarsi è "non raggiungersi", ma anche "sentire la mancanza l'uno dell'altra".

Ci si rincorre senza mai incontrarsi in uno sterminato spazio dove la vita ci allontana, pur stando nella stessa stanza, o ci ovvicina, pur lontani chilometri, da percorrere soltanto col pensiero; e ci si sfiora forsennatamente vicino a quel punto profondo conficcato dentro il cuore, dove non ci serve essere lucidi né coscienti, né dare un nome ai sentimenti.
Ci sono tante forme di amore: egoistico, morboso, estremo, soffocante, soffocato; quello perfetto è dato da un solo momento in cui questa giostra di attimi mancati si ferma, e - finalmente - ci si raggiunge.

Il più delle volte ci manchiamo all'infinito, e spesso nemmeno ci accorgiamo di farlo.
Ci manchiamo all'infinito, nella speranza di quell'attimo in cui raggiungersi, toccarsi, e per davvero, amarsi.

©Claudia Toloni - L'absence

Nessun commento:

Posta un commento

Lo sai che se usi le "k" a sproposito nessuno ti si tromberà mai più?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...