13 giugno 2012

Aspetto la diligenza

Eccola lì, la sindrome del foglio bianco.

Ché per una che parla quanto parlo io, è difficile restare senza niente da dire. E in fondo non è che non abbia niente da dire, ma al posto del cervello ultimamente ho un minestrone della valle degli orti: salute a terra, pensieri per il lavoro, decisioni importanti, tagli significativi, stress, eventi dolorosi, tutto mescolato.
Difficile mettere ordine, difficile dare un posto a tutto.

Nella mia vita la musica, la letteratura, la poesia, l'amore, ci sono sempre stati quando avevo bisogno del pensiero positivo. Oggi sono sorda, cieca, sola; per fare ripartire una macchina in panne ci vuole carburante e io ho il serbatoio a secco.

Svolgo i miei compiti con diligenza, aspettando la diligenza che mi riporti alla realtà.

2 commenti:

  1. Questa casa nuova che ti sei graficamente confezionata è bellissima!!!
    Brava.
    Lilla

    RispondiElimina

Lo sai che se usi le "k" a sproposito nessuno ti si tromberà mai più?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...