22 gennaio 2012

Così forte, così tanto, senza condizioni.

Ci sono giorni in cui corro da una parte all'altra, mi perdo nei rumori della città, di questa città che dico di non amare ma che respiro a pieni polmoni, rischiando anche di soffocare per lo smog. Non mi arresto se non per cambiare direzione, per pensare a quale nuova strada imboccare, per dirigere in fretta la mia attenzione verso una nuova mèta, per non distrarre il mio percorso e non dimenticare nulla delle cose da fare, che regolano i miei movimenti, i miei ritmi, il mio battito cardiaco che anche di notte non mi fa dormire, e suona il rock senza il mio permesso, impedendomi il riposo. Ed è di notte, finalmente, che mi arresto, o quando guardo il cielo, la notte, tornando a casa a piedi, sfidando il freddo (e perdendo clamorosamente, infatti mi sono giocata un altro weekend). E quando mi arresto rifletto, e sento tutto d'un colpo le mie mancanze, i miei fallimenti, le mie incapacità, le mie banalità. E mi sento niente, mi sento inadeguata e senza un senso, e improvvisamente tutte le direzioni sono buone perché ho perso la rotta, e non so più se devo attraversare, tornare indietro, cambiare strada. E quando, di notte, accade che penso che non sono niente, che ho azzerato completamente persino il dolore, e che non ho un appiglio vero, ma solo tante puntine da disegno che si possono staccare da un momento all'altro, mentre sono in balìa di queste onde, tu mi scrivi che ti senti niente. E io capisco bene quanto ci somigliamo pur essendo diversi, e so bene che sono le voragini che abbiamo dentro che ci fanno sentire così, vuoti, involucri, ma non capisco veramente cosa te lo faccia credere, perché tu hai così tanti colori, e così tante meravigliose incoerenze e coerenze, sei come un disegno che lascia senza fiato, che a ogni sguardo regala nuove angolazioni, e allora penso che no, non è giusto che una persona così bella stia così male, e non trovi pace.
Perché non è vero, credimi, che non sei niente, io lo so: non si può amare così tanto il niente, non si può, così forte, così tanto, senza condizioni.

Nessun commento:

Posta un commento

Lo sai che se usi le "k" a sproposito nessuno ti si tromberà mai più?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...