26 novembre 2011

Il giardino segreto

Sono in treno, e ciò significa che sotto a questo post le email mi accompagnano ovunque con blackberry from Vodafone. Però non posso sfuggire a questo pensiero: anni fa mi accompagnava verso Torino una storia tanto cruda quanto dolce e delicata, secondo me lontanissima da Stephen King che ne era (ma lo era?) autore. "La storia di Lisey" mi colpì per tante ragioni che vanno oltre la piacevole lettura. Una di queste è la descrizione del giardino segreto che nasconde il pozzo dove lo scrittore si abbevera, trae le sue storie. E oggi, leggendo Cunningham, ritrovo nelle sue parole e nei pensieri di Virginia Woolf la stessa immagine, con parole diverse.

Credo che ci siano ragioni profonde nelle coincidenze.
Ogni volta che viaggio da sola mi appaiono chiari i pensieri e i legami. Dovrei viaggiare di più, forse.

Credo che ci siano profonde ragioni nelle coincidenze, e che prima o poi il disegno si comporrà davanti ai miei occhi, e troverò il bandolo della matassa, anche fosse l'ultima cosa che vedono i miei occhi, o che sente il mio cuore.


Le mail ti raggiungono ovunque con BlackBerry® from Vodafone! (<-- ecco fatto)

2 commenti:

  1. La coincidenza sul treno del ritorno è stata a dir poco sorprendente!

    RispondiElimina
  2. Basta vite (cit.). Davvero, non ce la faccio più. Basta. Game over.

    RispondiElimina

Lo sai che se usi le "k" a sproposito nessuno ti si tromberà mai più?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...