26 giugno 2011

Sulla riva

Il caldo mi fiacca più del solito, mi toglie la voglia di fare, persino di pensare. Sto bene solo con la compagnia di un libro, immobile, davanti al ventilatore o sulla spiaggia, la sera. L'estate mi toglie la volontà con il respiro, e mi ritrovo a fare i conti di quest'anno strano, che con un rigurgito secco mi ha riportato a riva cose lontane, che credevo ormai perse per sempre, come fa la marea.
Lo specchio rimanda un'immagine che non sono io.
Mi domando per quanto tempo ancora mi riconoscerò.
Ci sono state ormai troppe estati pesanti, e anche il mio corpo ora è pesante, cambia, lo sento diventare fiacco, rigido, sempre più inutile. Vorrei vivere tra le pagine di libri che non si possono dimenticare, per non sentire questa mia vita così molle, stantìa, senza sale.

1 commento:

  1. Le tue parole... mi sembra di averle scritte io, non di leggerle.. come ti capisco! un abbraccio, se può servire :)

    RispondiElimina

Lo sai che se usi le "k" a sproposito nessuno ti si tromberà mai più?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...