22 febbraio 2010

Perché Sanremo è Sanremo

Avevo promesso di non parlarne proprio, ma se vivi in Italia non puoi ignorarlo, il Festival. Anche perché ovunque tu vada c'è qualcuno che ti chiede se l'hai visto, cosa ne pensi del risultato, quale canzone ti è piaciuta, e quest'anno anche in quale lago tu sia solito copulare. Sì perché 'sta cosa di "far l'amore in tutti i modi, in tutti i luoghi, in tutti i laghi" è talmente atipica e fuori luogo che è pressoché impossibile non notarla: che cacchio vuol dire? A chi è venuta in mente? Perché? Come mai proprio nei laghi e non nei torrenti? Cos'è sto razzismo nei confronti delle acque salate? È un messaggio subliminale per orientare il turismo ai laghi? Il testo l'ha scritto David Lynch? Misteri. Ecco, forse ci sono dietro Giacobbo e Ruggeri.
Per quanto riguarda il Principe e il Pupo non c'è nulla da dire, se non che è una vergognosa truffa, e in attesa che qualche coraggioso "Travaglino" azzecchi il garbuglio vi invito a cantare insieme a me e a Metilparaben "Westfalia amore mio" e tutte le altre versioni che potete trovare qui.
Povero Morgan, l'han buttato fuori col pretesto della cocaina, e invece il vero motivo era che aveva capito che il controllo di certa "gente cattiva", ormai ovunque sul piccolo schermo, non poteva non coinvolgere anche il festival. D'altra parte siamo in democrazia e decide la maggioranza, che guarda caso è composta sempre dagli stessi compari di lista.
A Irene Grandi, Noemi e Malika Ayane, vere vincitrici morali del Festival, va invece tutta la mia stima, così come all'orchestra che ha stracciato gli spartiti e schernito gli incompetenti organizzatori (manipolatori?). Perché, contrariamente a quanto vogliono farci credere in tv, di gente che apprezza la vera buona musica, ce n'è tanta, ed è ovunque.
In tutti i modi, in tutti i luoghi, in tutti i laghi.

Aggiornamento al 26/03/2010
Ho letto l'articolo di Giorgio dell'Arti, pubblicato su Vanity Fair n° 8 (3 Marzo 2010, pag. 61 "Piange il telefono"), che sospetta una "regia occulta" anche dietro al gesto plateale degli orchestrali, e debbo dire che il dubbio c'è. Lascio a voi giudicare, io preferisco passare al prossimo disastro mediatico e archiviare quest'altro X File...

5 febbraio 2010

Caso Morgan: come vendersi "porta a porta"

Per chi si fosse perso "Porta a Porta", ieri, ecco un fedele resoconto della trasmissione riassunto in alcuni momenti salienti:

Morgan: "io ammetto che ho confessato di avere un problema con la droga, ma io stesso sono contro"
Vespa: "pèntiti peccatore, pèntiti!"

Turco: "bwaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa"

Meloni: "Kurt Cobain sarebbe stato Kurt Cobain anche senza eroina, ricordiamo che si è sparato in testa nella vasca!"

Don Mazzi: "DILLO CAZZO che non te ne frega un cazzo di S.Remo, cazzo!!! Caaazzooo!!!"
Vespa: "e comunque alla gara non puoi rientrare! Gniè gniè"
Morgan: "Chiedo aiuto, aiutatemi... ma insomma, lo faccio o no sto cazzo di S.Remo?"
Don Mazzi: "dài, venti ave marie, dieci pater noster, e riga dritto ché ti tengo d'occhio"

Bonaga: "secondo me non capite un tubo, ecco"

Gatti: "scusate, ma la colpa è anche del giornalist..."
Vespa: "silenzio! Come si permette! Io comunque non difendo mai la categoria"

Mori: "memento: Mori!"
Vespa: "bene, questo è tutto, grazie per essere intervenuti"


Vespa: (fuori onda) allora, tutti da me per il festino a base di coca?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...