2 novembre 2009

Milano (Splinder, 2006)

Milano, per me è IL batticuore in assoluto, la metafora del movimento. Con la cartina in mano a Milano puoi perderti e da un momento all'altro passare da un posto denso di piccole formichine orientate ciascuna verso la sua meta, a un altro dove non c'è nessuno e nulla, se non grovigli di viali, di binari del tram e saracinesche abbassate su cui spiccano i disegni degli artisti di strada o semplicemente scritte aventi come soggetto sfoghi incontenibili di odio, amore, esultanza e dopo un attimo di disorientamento ritrovarti esattamente nel punto che avresti dovuto raggiungere;
è arrivare sul posto di lavoro e alzare lo sguardo verso un enorme agglomerato di palazzi dall'aria fredda ma produttiva ed entrare, lasciare il documento all'entrata, salire, trovarsi in mezzo a persone che lì ci sono tutti i giorni e sono ormai abituati a questo sfondo un po' surreale dove i corridoi sembrano tutti uguali, gli uffici tutti spogli, le persone, invece, tutte diverse e splendidamente indaffarate e sentirsi, stranamente, a proprio agio
è prendere un taxi con la solita cartina in mano pensando di arrivare in un battito di ciglia a destinazione e invece scoprire che il rettilineo non finisce mai, e con lui gli alberelli cittadini impolverati, allineati in fila uno dietro l'altro come tanti piccoli sorridenti indiani verdi;
è passeggiare avanti e indietro in stazione centrale con un libro in mano e non riuscire a leggerlo perché la curiosità di guardare le persone che passano è troppo forte: hanno tutti la loro storia appresso e qualcosa di loro parla nonostante il silenzio: un cappellino un po' frivolo di una signora per bene, la pesante ventiquattr'ore del solito colletto bianco, i disegni arrotolati di qualche artista, la valigia trascinata da un giovane dal volto sereno, una chitarra dentro la sua custodia nera, che ci si chiede chissà chi e cosa canterà questa volta, se saranno sorrisi o lacrime ...Ognuno con la sua storia, ognuno in cerca di un narratore;
è sentire il flusso delle cose, e chiedersi quanta vita puoi succhiare da questo caotico melting ipnotico, che ti trascina vorticosamente, fa girare la testa e ti sputa dentro urlando "è tutto per te, ora, subito, mordilo";
è una cena al ristorante messicano, un incontro di lavoro con con strani personaggi che da lì a poco diventeranno altre luminose estensioni della tua anima:
è fare la coda davanti a un locale per ascoltare il gruppo che ami, e incontrare lì persone che non riesci mai a vedere a causa della distanza e riabbracciarle, ridere, scherzare e ubriacarsi di chupito e tequila e tornare insieme cantando le nostre canzoni preferite per le vie deserte da cui proviene l'odore rassicurante del pane caldo degli ambulanti e quello eccitante dell'aria fredda che fa pizzicare il naso;
è perdersi tra tanti piccoli puntini neri danzanti che sono così diversi da te, che sono così uguali a te;
è un amico che ti accompagna per i negozietti di Porta Ticinese e si comporta come se fossi la persona più importante della terra in visita speciale;

è la coincidenza di mille coincidenze
la realtà da cui partono speranze e aspirazioni
A volte ti salta il cuore in gola per uno sguardo
Altre volte è come percorrere un sentiero di spine
Milano
è la Santa che ti offre il perdono,
la Prostituta che ti induce a peccare,
la puttana che riempi di lividi ma che senza di te non può permettersi di vivere
o forse sei tu che non puoi vivere senza di lei
è il batticuore
la metafora del movimento

è la mia città, perché casa non è necessariamente il posto dove sei nato, ma quello dove finalmente ritrovi te stesso, dopo tanto invano cercare.

8 commenti:

  1. E pensare che da tanto tempo mi balla sui polpastrelli uno scritto su Genova...

    RispondiElimina
  2. Tesoro, è giunto il momento di scriverlo! ;)

    RispondiElimina
  3. Questo post è del 2006, ci sei stata recentemente o entrambe le cose?
    A me Milano dava un'idea di vertiginosa grandezza e di grande possibilità, ma dubito avrei mai potuto amarla... almeno allora, ora non so.

    RispondiElimina
  4. Sister, ma black pepper sei tu?

    Jordan

    RispondiElimina
  5. @Sister: purtroppo è davvero tantissimo che non vado a Milano, né per lavoro né per divertimento. Mi manca respirare quell'atmosfera sempre in movimento! Secondo me avresti amato quella Milano che sta sotto la superficie...quella che non è in mano ai bauscia, ma agli intellettuali underground,ai musicisti, agli scrittori esordienti. Ci potrei scommettere! :)

    p.s.Ehm, si capisce dai chupitos che sono io?? XD

    RispondiElimina
  6. Da come ne parli credo che... sì, se l'avessi conosciuta avrei potuto amarla :)
    Ieri non è accaduto, ma un domani chissà. Mi piacerebbe farci un giro insieme a te!

    Non so, ho visto il link qui a fianco e letto il profilo e... be' ;)

    RispondiElimina
  7. devo dire però che mi è capitato poche volte di essere in un luogo diverso e sentirmi a casa

    RispondiElimina
  8. A me succede solo a Milano. Inspiegabilmente. È come se dei ricordi remoti affiorassero alla mente senza la possibilità di tradurli in immagini nitide... chissà, magari in un'altra vita ero Milanese.

    RispondiElimina

Lo sai che se usi le "k" a sproposito nessuno ti si tromberà mai più?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...