1 ottobre 2009

Il Partito dei Morti Viventi

Nella mia città, Genova, non c'è differenza di colore. Non ci sono partiti divisi. Ce n'è uno, uno solo,  che è grande e forte e inarrestabile. Un partito che segue una filosofia che potrebbe somigliare a quella pacifista, perché parla continuamente di silenzio, pace, armonia: il partito dei Giovani Morti Viventi. Nella mia città, che potrebbe pullulare di arte come Firenze, splendere come Venezia ed essere divertente come Milano, c'è un muro compatto di "provincialotti", per usare le parole del nostro sindaco Marta Vincenzi (spese nei confronti, però, dei Savonesi, che a me sembrano molto più avanti di noi, specie se si tratta di iniziative culturali), parole che io giro a lei da queste pagine: sarà lei, cara la mia sindaco, ad essere una "provincialotta" che in poco tempo ha reso Genova un museo delle cere, appoggiata dal Partito dei Pensionati che, nonostante la definizione, ahimé conta anche e soprattutto giovani corpi con meno giovani menti; e adesso, con questa storia di mandare tutti a nanna e svuotare il centro storico entro le due di notte revocando anche i pochi permessi di alcuni locali di chiudere un'ora dopo (locali peraltro già vessati dalle "brillanti" iniziative del Comune), Lei ci toglie anche il diritto di passare il weekend lontani dai grattacapi del lavoro e dalle bastonate della quotidianità, vivendo la nostra bellissima città con gli amici, senza paura di venire derubati, picchiati, violentati o anche solo molestati da chi agisce nel buio e nel silenzio. Mi scusi, signora Marta, è proprio sicura che raccattare voti per voi "benpensanti" finti intellettuali fintamente di sinistra sarà sempre così semplice? È proprio sicura che continuerà a sedere dove sta sedendo oggi, quando la gente ne avrà le tasche piene di vivere in una città dov'è dura non solo lavorare in pace, ma anche svagarsi in pace? Perché vede, signora Vincenzi, peggio di una destra ottusa, c'è solo una cosa: una sinistra ancor più ottusa.

7 commenti:

  1. Non credo che in futuro continuerà a sedere dove sta seduta oggi...i genovesi ne hanno le palle piene di questa strega che fa della città i suoi comodi. E non solo i giovani. Ha contribuito soltanto a rendere la città (che quando è entrata lei era ben viva) più brutta, squallida, pericolosa. Io non ho più piacere di girare per una Genova malandata e popolata solo di delinquenti, ho paura di sapere le persone a cui voglio bene in giro. Continuo ad amare la mia città perchè ci sono nata e l'ho vissuta appieno, ma questo periodo, per tali ed altri motivi, non fa decisamente per me. Meglio la "provincialotta" Savona nella quale, la stessa sera della brillante Notte Bianca genovese, ho potuto invece girare per la Pinacoteca sino a tarda notte, tra musica ed opere di Magritte e DeChirico(!!!)

    Vattene Marta Vincenzi! Sei una vergogna per tutti i genovesi!

    Un'ultima riflessione: ma quando "va tutto bene" (ovvero si ha l'impressione che sia così) dove sono queste persone che si proclamano indignate? Se adesso la Marta dà loro un contentino torneranno a festeggiare allegramente nei vicoli, dimenticando l'accaduto. Ma non credo il problema stia solo qui...non è nella fine dei divertimenti il male che sta corrodendo pian piano Genova; forse, ci si fosse divertiti un po' meno (e mi ci metto anche io in mezzo), si sarebbe fatto di più e prima.

    RispondiElimina
  2. Mae ti quoto e straquoto anche nell'autocritica. Il fatto è che quando le cose sembrano "andare bene" (e qui posso risponderti solo per me, perché quel che pensano o fanno gli altri non lo so), si spera che continuino a farlo. E qui casca l'asino: se si entra in questo circolo vizioso non se ne esce = ognuno per sé Dio per tutti. Personalmente, mi prendo la colpa di averla votata, questa Sindaco incapace. Mi prendo anche la colpa di non avere sempre difeso i miei diritti. Però ora basta, non voglio vivere con il ricordo della città in cui vivo, voglio vivere LA città... e la differenza non è sottile...

    RispondiElimina
  3. e' il solito discorso della legge dell'entropia: tutto tende al disordine che tradotto significa: è sempre peggio!

    RispondiElimina
  4. Wow! Che bellissimo che è il nuovo layout! *__* Ti infilo in blogroll, infine! Baci

    RispondiElimina
  5. Hiiihihi Blogspot forever... è proprio come lo cercavo!!! Senza bambinate, ma un po' sopra le righe... :))) Grazie ancora Maetta!^^

    RispondiElimina
  6. è bellissimo questo template, complimenti davvero.

    RispondiElimina
  7. Grazie Cuoreblu! Ne ho trovati tantissimi da mozzare il fiato, ma questo creato da Raycreations.net è in assoluto ciò che si avvicina di più alla mia sensibilità, senza bimbominkiate... hehehe

    RispondiElimina

Lo sai che se usi le "k" a sproposito nessuno ti si tromberà mai più?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...